IL CAMMINO DELL'UOMO

Home
Vai indietro di una pagina
Vai alla pagina delle discipline

 

Le tappe per arrivare fino a noi sono state molte e hanno richiesto un tempo lunghissimo. In questo percorso, molte specie di ominidi hanno fatto la loro comparsa: alcune si sono evolute, altre sono vissute per un certe periodo e poi si sono estinte. Quelle che presentiamo sono le tappe fondamentali del CAMMINO DELL'UOMO.

CARTA D'IDENTITA' DEL RAMAPITECO

 

 

 

(Mandibola di Ramapiteco)

Chi è E’ un  ominide
Dove è vissuto In Africa e in Europa, prima nelle foreste poi nella savana
Quando Circa 15 milioni di anni fa
Abilità fisiche Era un buon arrampicatore perché viveva sugli alberi
Peso circa 15 chilogrammi
Altezza 1,5 metri circa
Segni particolari Aveva le dimensioni di una scimmia, ma la forma della mascella e dei denti era simile a quella degli uomini.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' AUSTRALOPITECO

 

 

 

 

 

(Ricostruzione dello scheletro di Australopiteco)

Chi è E’ il più antico ominide bipede conosciuto. Ebbe una lunga evoluzione fisica, culturale e comportamentale
Dove è vissuto Nella savana africana, in piccoli gruppi
Quando 5 milioni di anni fa circa
Abilità fisiche Grande agilità nelle braccia, sveltezza nell’arrampicarsi sugli alberi, andatura bipede e ginocchia flesse, corpo muscoloso, postura eretta
Peso 30/35 chilogrammi circa
Altezza 1,5 metri circa
Segni particolari

Dita dei piedi lunghe e curve, muscolosità, faccia e naso schiacciati. I denti posteriori indicano un’alimentazione vegetariana. Non riusciva ad emettere suoni. Usava bastoni e pietre per uccidere le prede e difendersi.

LA STORIA DI LUCY
L’Australopiteco più conosciuto nella storia degli ominidi è Lucy, il cui scheletro è stato ritrovato quasi completamente intatto nel 1974 nella zona della Rift Valley, in Etiopia.
Lucy è stata chiamata così dai suoi scopritori in onore della canzone "Lucy in the Sky with Diamonds" dei Beatles, famosissimo gruppo musicale inglese degli anni ’60.

Lucy era una femmina, di età compresa fra i 18 e i 21 anni, alta poco più di un metro (1,07 metri) e dal peso di circa 25 chilogrammi.
Visse in Africa circa 4,5 milioni di anni fa. Il suo cervello era piccolo, aveva la fronte bassa, le arcate sopraccigliari sporgenti, il corpo ricoperto di peli, la mandibola sviluppata, sapeva arrampicarsi sugli alberi, ma anche rimanere in posizione eretta. La sua principale occupazione era la ricerca del cibo e del riparo. Si nutriva principalmente di bacche, frutti, radici, erbe.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' HOMO HABILIS

 

 

 

 

 

(Ricostruzione del cranio di Homo habilis)

Chi è

E’ il primo ominide capace di lavorare e utilizzare la pietra.

Dove è vissuto

In Africa. Viveva in piccoli gruppi vicino ai corsi d’acqua, in capanne di rami o caverne.

Quando

2 milioni  e mezzo di anni fa circa.

Abilità fisiche Sapeva arrampicarsi sugli alberi e correre veloce sulla terra. Sapeva scheggiare le pietre (chopper) e afferrare oggetti con le mani. Cacciava piccoli animali e raccoglieva vegetali.
Peso 35 - 45 chilogrammi
Altezza 1,20 - 1,45 metri
Segni particolari

Viso piatto, braccia lunghe, cervello circa la metà del nostro, postura eretta, naso esterno e non più schiacciato. Emetteva semplici suoni. Era onnivoro: mangiava carne cruda, uova, vegetali.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' HOMO ERECTUS

 

 

 

 

 

 

(Ricostruzione del cranio dell'Homo erectus)

Chi è

E' il primo ominide ritrovato che ha una postura definitivamente eretta.

Dove è vissuto

Africa orientale e meridionale, Asia, Europa. Era nomade, viveva in clan e si riparava nelle grotte.

Quando

Circa 1,7 milioni di anni fa.

Abilità fisiche

Alto e robusto, grande camminatore, fabbricava utensili di pietra.

Peso 45 - 70 chilogrammi
Altezza 1,60 metri circa
Segni particolari

Faccia espressiva, gambe lunghe, cervello sviluppato. Usava bastoni come arma, scheggiava la pietra in modo più elaborato rispetto ai suoi predecessori, sapeva conservare il fuoco, comunicava con gesti e versi.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' HOMO SAPIENS

 

 

 

Chi è

E' la forma primitiva della nostra specie.

Dove è vissuto

In Africa e forse in Europa. Era nomade e viveva in caverne o capanne ricoperte con pelli di animali.

Quando

Circa 200.000 anni fa, durante il periodo glaciale.

Abilità fisiche

Sapeva sostenere grandi sforzi, fabbricava utensili di pietra (asce, coltelli, lance). Sapeva accendere il fuoco e cacciava in gruppo animali di grossa taglia (orsi, mammut, renne, bisonti).

Peso 70 chilogrammi circa.
Altezza 1,60 metri circa
Segni particolari Faccia grande ed espressiva, ossa massicce, dentatura più piccola rispetto ai predecessori, muscoli forti, cervello di dimensioni simili al nostro. Era onnivoro e si cibava di vegetali e di carne cotta. Probabilmente seppelliva i morti.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' HOMO NEANDERTHALENSIS

 

 

(Ricostruzione di esemplare femminile di Uomo di Neanderthal)

 

 

 

 

(Ricostruzione di esemplare maschile di Uomo di Neandethal)

Chi è

E' una variante dell’Homo Sapiens

Dove è vissuto

In Europa, nel periodo interglaciale (cioè dopo le glaciazioni)

Quando

130.000 anni fa circa

Abilità fisiche

Resistenza allo sforzo e al freddo

Peso 60 - 80 chilogrammi
Altezza Non superiore a 1,60 metri
Segni particolari

Naso grande e tozzo, fronte sfuggente e arcate sopraccigliari molto pronunciate, testa allungata, gambe arcuate, cervello più grande di quello attuale.
Lo studio dei resti di questa specie umana ha permesso di ricostruire caratteristiche fisiche particolari: probabilmente aveva i capelli chiari (rossi o biondicci) ed era di carnagione chiara. Si sa con certezza che seppelliva i morti e, forse, praticava riti religiosi.
L’Uomo di Neanderthal è una specie del tutto differente da quella dell’Homo Sapiens Sapiens, alla quale apparteniamo. Si sa che queste due specie ebbero contatti e per qualche decina di migliaia di anni vissero sugli stessi territori. Poi, l’Uomo di Neanderthal si estinse.

 

CARTA D'IDENTITA' DELL' HOMO SAPIENS SAPIENS O UOMO DI CRO MAGNON

(Uomo di Cromagnon, a sinistra, a confronto con l'Uomo di Neanderthal, a destra)

Chi è

Siamo noi e i nostri diretti antenati.
L’Uomo di Cro Magnon è così chiamato dalla località francese in cui sono stati ritrovati importanti resti.

Dove è vissuto

Migrato dall’Africa, ha abitato l’Europa e l’Asia verso la fine dell’ultima era glaciale. Viveva in grotte o capanne costruite con ossa e pelli di animali.

Quando

40.000 anni fa circa

Abilità fisiche

Cacciava animali con strumenti evoluti: arco e frecce, trappole, pesca con le reti. Dipingeva sulle pareti delle grotte figure di animali e scene di vita quotidiana (pitture e incisioni rupestri) e scolpiva statuette di pietra e di osso che indicano la capacità di un pensiero astratto.

Peso 75 - 80 chilogrammi
Altezza 1,60 - 1,80 metri
Segni particolari

Fronte alta e spaziosa, naso prominente e probabilmente aquilino, grande capacità cranica, gambe lunghe, spalle ampie e bacino stretto. Carnagione scura, chioma corvina.
Usava oggetti ornamentali, come collane di pietre e conchiglie.
Avendo la pelle nuda, imparò a cucire e a preparare abiti per proteggersi dal freddo.
Usava un linguaggio elaborato e complesso. Seppelliva i morti e praticava forme primitive di religione.
Ovviamente, conosceva il fuoco e sapeva riprodurlo. Era un onnivoro e si cibava si carne cotta e vegetali che spartiva con i membri del gruppo.

 

Guarda anche:

Visita al Civico Museo di Storia Naturale

Visita al Parco Nazionale dell'Arte Rupestre di Capo di Ponte

Spettacolo tatrale "Oddio, l'Uomo"